Le rugbiste placcano la violenza sulle donne

Il Progetto TACI – Teatro, Arte, Cultura, Inclusione contro la violenza sulle donne e il rugby si sono incontrati. Per una giornata all’insegna dello sport e delle donne. Domenica 29 settembre infatti le squadre della sezione femminile del Rugby Riviera 1975 – società ospitante l’evento – del Rugby Mirano 1957 e del Rugby Silea hanno partecipato ad una giornata di partite amichevoli. Le tre squadre hanno giocato con le regole del Rugby X, ovvero con 7 giocatrici in campo e con un terreno di gioco più piccolo. Regolamento solito per le ragazze di Silea e Mirano che partecipano al campionato di Coppa Italia anche durante l’anno. Ma è stata una nuova esperienza per quasi tutte le rugbiste del Riviera che si sono messe in gioco senza tirarsi indietro.

L’evento è stato promosso da Auser Veneto con il contributo della Regione del Veneto. Il tutto è iniziato alle 15:30 e finito con il consueto terzo tempo arricchito da cibo e allegria. La giornata è stata organizzata per placcare la violenza sulle donne. Partecipando alla giornata di amichevoli le ragazze hanno appoggiato e sposato il progetto per dire no ad un problema purtroppo ancora troppo presente. E chi meglio delle nostre ragazze che si sostengono dentro e fuori dal campo per finire tutte insieme attorno allo stesso tavolo durante il terzo tempo!

Ma l’attenzione si voleva concentrare anche sulla preparazione delle rugbiste prima dell’inizio del campionato. Per le giocatrici del Mira e del Mirano l’impegno di quest’anno sarà l’avventura nel nuovo girone della Serie A femminile insieme sotto il nome di Rugby Riviera Femminile. Questo, per il tutoraggio della squadra bianco-nera, è il secondo anno di collaborazione con il team limitrofo delle ragazze verdi-blu.

 

di Chiara Bustreo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.