U17: c’è mancato davvero poco

Riprende il campionato Under 17, tra luci ed ombre.
Sabato 12 marzo Mirano ha affrontato San Donà in un match giocato punto su punto.

La panchina cortissima del Mirano (pochi ma boni!) rispetto al San Donà, ed alcuni giocatori che si sono dovuti sacrificare in ruoli non propri, non ha permesso ai nostri ragazzi di essere incisivi nei momenti decisivi.
Sono state davvero molte le occasioni sprecate nei 5 metri avversari rispetto quelle dei pari età del San Donà.
Mirano ha difeso con carattere ma con placcaggi quasi mai avanzanti e questo ha permesso ai bianco azzurri di guadagnare terreno e di sfruttare tutte le volte che sono riusciti a varcare la linea dei 5 metri del Mirano, a differenza dei bianco neri che in attacco non sono stai così convincenti e cinici da marcare le numerose opportunità che si sono riusciti a creare con non poca fatica.
Bene invece touche, mischia chiusa ed anche le maul.
Male la disciplina del Mirano, troppi calci contro ed un giallo che proprio non ci voleva, così in inferiorità numerica è arrivata anche la terza meta del San Donà.

Alla fine entrambe le squadra hanno segnato 4 mete (che vale per noi anche il punto di bonus), sono stati però i calci di trasformazione a decretare il vincitore e con solo due punti di scarto il San Donà si è riuscito ad aggiudicare meritatamente la vittoria.

Buona comunque la tenuta del Mirano che non ha mai mollato.

Mirano 24 – S. Donà 26
Mete di Pellizzon Tr. Celeghin; Bortolato Tr. Celeghin; Chizzali (… non vale la traversa?); Martignon.

Massimiliano Martignon

In allegato: un’immagine di repertorio.
Foto: Alberto Minto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.