L’ARMATA ESPUGNA PORDENONE

La giornata non è delle più calde ma un generoso sole pomeridiano si affaccia tra la nebbia a riscaldare i cuori e gli animi dei presenti.
La spedizione dei nostri eroi prevede un torpedone di italica fattura ed un gruppetto di maschie autovetture, giunte al ritrovo in perfetto orario ed ordine di marcia.
Dopo pochi attimi volti al prezioso risveglio muscolare i nostri arditi sono subito a confronto con la prima indigena compagine.

La partenza è di quelle che fiaccherebbero il morale dei più, la lotta è virile e mascolina ed una mera disattenzione cagiona la segnatura dei padroni di casa.
“Non per campagnare siamo scesi fin sulle rive del Noncello” declama capitan Favaro e subito i nostri paladini ritrovano la consueta lucidità e l’indomito vigore.
Le focose parole del nocchiero riscaldano gli animi dei pugnanti ed in men che non si dica il risultato è ribaltato e l’oppositore battuto.

Dopo una pausa per rinvigorire lo spirito con due dita di cordiale i nostri campioni si gettano nella mischia della seconda tenzone.
I patti sono chiari fin da subito, l’Euganeo pugnante non passerà. L’offeso rivale tenta di resistere opponendo una feroce barricata ma a nulla serve la difensiva trincea contro l’ardore dei nostri energici guastatori.
Anche questa battaglia si conclude con il meritato trionfo dei campioni della città graticolare.

Il meritato desco è un degno epilogo delle erculee fatiche che i nostri indomiti hanno sopportato e tra le rispettabili libagioni ristoratrici c’è anche spazio per qualche allegro se pur marziale coro a più voci.
È così che sebbene congedatisi dai propri anfitrioni con i rituali saluti i nostri eroi vengono raggiunti nel piazzale e richiamati dagli oriundi ospiti per un’ultima cerimonia alcoolica.
L’epilogo della giornata non può che essere la trionfale parata attraverso la municipalità di Portus Naonis dove i nostri coraggiosi si avventurano nell’assaggio delle indigene bevande.

Gioisci madre, i tuoi figli vincitori stanno tornando a casa. Il torpedone è già in viaggio. Il furlano e sottomesso!

Wiki

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.