U16: Feltre e Castellana

Dopo la trasferta alquanto deludente di domenica scorsa, persa dal Mirano contro un contato (15 giusti, il 16° in panchina aveva la febbre!) ma compatto e determinato Rugby Feltre, oggi (domenica 2 febbraio, ndr.) i nostri ragazzi hanno ritrovano una meritata vittoria in campo casalingo contro un massiccio Castellana Rugby.

Domenica scorsa i ragazzi hanno lasciato il campo con un 12-5 a favore del Feltre che ha evidenziato notevoli carenze nelle decisioni in attacco, poche idee, gioco superficiale, deficit di coesione e molto individualismo che ha esaltato gli avversari. Tanto di cappello ai ragazzi del Feltre, veri gladiatori in ogni azione e fase di gioco, onore ai vincitori.

Meta Rampazzo non trasformata.

(PS. L’ufficio stampa domenica scorsa… el xe ‘ndà massa de longo in birreria Pedavena… haaaa tosati!)

Oggi i ragazzi hanno affrontato l’ultima in classifica, il Castellana, che però si è dimostrata squadra solida, pesante e che si è giocata ogni singola possibilità portando il Mirano laddove i Giallo Blu erano più forti.
Per descrivere il primo tempo basta fare copia incolla di quanto scritto sopra contro il Feltre ma ci aggiungiamo anche qualche distrazione in difesa, con placcaggi mancati e salita lenta. Solo nel secondo tempo il Mirano ha fatto vedere qualche azione interessante riprendendo a giocare con un po’ di fantasia e maggiore sicurezza.
La vittoria è arrivata certo, ed è giusto celebrarla ed onorarla perché i ragazzi hanno dato tutto quello che potevano dare. Quello che lascia l’amaro in bocca è sapere che i nostri, presi singolarmente, hanno delle buone potenzialità ma che mal vengono espresse nel gioco collettivo. Quindi ragazzi, se volete togliervi qualche bella soddisfazione, sappiate che non ci sono scorciatoie; lavoro, umiltà e tanta passione!

Buon Rugby!

Mirano 34 vs Castellana 5.

Meta di Celeghin, Rampazzo (3), Bortolato, Fiore, Tr. Celeghin, Tr, Mion.

In allegato un’immagine dal match contro Feltre di domenica 26 gennaio.
Foto: Alberto Minto.

Massimiliano Martignon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *