U18: 10 GIRI DI LANCETTE

Comincia con il piede giusto la stagione 2018/2019 della Under 18 bianconera opposta, domenica 7 ottobre, al XV biancorosso del Rugby Vicenza.

Ci sono voluti i classici 10 minuti iniziali, necessari per capire se l’uscita dai ranghi dei ragazzi del ‘99 e l’ingresso in squadra della truppa nata nel 2002 avesse in qualche modo alterato negativamente la ”chimica” della formazione dello scorso campionato.
10 minuti necessari a Maso e Pietrosanti (i mister di quest’anno) per cominciare a cazziare i ragazzi per un paio di banali disattenzioni e per correggere alcune posizioni in campo, e poi… e poi i 10 minuti sono passati.

Le lancette dell’orologio hanno completato il decimo “sottosopra” e la squadra ha gettato finalmente la maschera piantando stabilmente le tende nella metà campo vicentina ed obbligando la difesa Berica agli straordinari, nel vano tentativo di arginare la pressione dei nostri ragazzi.
Ne è uscita una prestazione maiuscola da parte bianconera, tignosa e caparbia su ogni pallone, ordinata nella costruzione della manovra e capace di variare le proprie trame offensive innescando a volte i trequarti con un veloce e preciso giropalla e a volte facendosi trasportare in territorio nemico dal pacchetto dei caterpillar, apparsi in giornata decisamente debordante.

E’ finita 29 a zero per i boys miranesi (19 a 0 il primo tempo), costantemente in controllo del match e raramente impensieriti dalla formazione vicentina, giunta in riva al Taglio con reali ambizioni di vittoria ma costretta a rinunciare ben presto ai propri propositi bellicosi e solo parzialmente consolata da una gagliarda e convincente performance difensiva.

Domenica prossima trasferta a Favaro Veneto in casa del San Marco Rugby Venezia Mestre, occasione importante per verificare la tenuta mentale e fisica della squadra in un clima “muy caliente” come quello mestrino e per capire che cosa di buono può riservarci questa stagione.

Alla prossima,
Jena Plinsky

In allegato: l’Under 18 miranese nell’intervallo dell’incontro di domenica 7 ottobre.
Foto: Alessio Rocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *